Benvenuti sul BLOG di ideaBIT web agency, parliamo di: La lotta di Google alle recensioni false

La lotta di Google alle recensioni false

Dal 2010 Google accetta i contenuti inviati dagli utenti e da allora più di 970 milioni di persone hanno aggiornato Google Maps...

Il mese scorso Dan Pritchett, Principal Software Engineer di Google Maps ha pubblicato un articolo sul blog ufficiale di Google, spiegando come Google  nel 2020 si è impegnato a contrastare le recensioni fasulle e altri abusi e illustrando i risultati ottenuti.

Dal 2010 Google accetta i contenuti inviati dagli utenti e da allora più di 970 milioni di persone hanno aggiornato Google Maps pubblicando recensioni, foto, valutazioni e informazioni come indirizzi e orari di apertura.
Questi contributi consentono a Google Maps di restare aggiornato e sono importantissimi per fornire informazioni utili e affidabili alle persone.

Purtroppo esistono anche "utenti cattivi" che, per diversi motivi, provano a pubblicare contenuti inappropriati.

 

Come Google individua gli "utenti cattivi"

Gli utenti cattivi cercano di fuorviare le persone con diverse tecniche: da recensioni false che criticano senza fondamenti un'azienda a valutazioni non autentiche che aumentano la reputazione di un luogo.

Google non descrive pubblicamente in quali modi contrasta i contenuti falsi per evitare che i truffatori possano trarre indicazioni su come aggirare i sistemi di verifica e approvazione.

Il grosso lavoro è fatto da algoritmi di apprendimento automatico che analizzano milioni di contributi giornalieri. Questi algoritmi rilevano e rimuovono i contenuti che violano le norme e scansionano anche segnali di attività anormale degli utenti. Ad esempio, possono rilevare se un nuovo account Google Maps aperto in una determinata città lascia improvvisamente recensioni negative o valutazioni a 1 stella su attività molto distanti. Il contenuto che viola le norme viene rimosso dai modelli automatizzati o contrassegnato per un'ulteriore revisione, insieme all'account utente.

Sono presenti anche migliaia di operatori e analisti qualificati che aiutano con le valutazioni dei contenuti che potrebbero essere difficili per gli algoritmi, come la comprensione delle recensioni nello slang locale.

 

Chi sono gli "utenti cattivi" e come possono essere fermati?

Le protezioni e il team di verifica sono in grado di riconoscere due tipi di "utenti cattivi": i truffatori di contenuti e i vandali di contenuti.

I truffatori sono motivati ​​dal denaro e cercano di ingannare le persone con recensioni false per attirare clienti o inserzioni false per generare lead. Per scoraggiarli, Google rimuove preventivamente le opportunità per loro di trarre profitto da contenuti falsi.
Grazie a un migliore rilevamento dell'attività della click farm, è sempre più difficile pubblicare contenuti falsi a basso costo, il che alla fine rende più difficile per una click farm vendere recensioni e guadagnare.

Poi ci sono i vandali di contenuto, che possono essere motivati ​​da eventi sociali e politici o semplicemente vogliono lasciare il segno online. Ad esempio, pubblicano recensioni false o modificano i nomi dei luoghi per inviare un messaggio e aggiungono foto fuori tema come scherzi.

Il vandalismo sui contenuti può essere più difficile da affrontare poiché spesso è casuale. Ad esempio, un adolescente che pubblica una foto fuori tema nella scheda della sua scuola su Maps per scherzo o qualcuno che ha lasciato parolacce in una recensione senza senso.

Ostacolare i vandali di contenuto si riduce all'anticipazione e alla reazione rapida. Man mano che i luoghi diventano più inclini al vandalismo, Google adegua le difese. Ad esempio, l'anno scorso gli algoritmi sono stati tempestivamente aggiornati per bloccare preventivamente le recensioni razziste non appena si è potuta osservare la xenofobia anti-cinese associata a COVID-19. Inoltre, per evitare la diffusione di informazioni errate relative alle elezioni, è stata limitata la possibilità per le persone di modificare i numeri di telefono, gli indirizzi e altre informazioni per luoghi come i siti di voto.

 

I progressi di Google Maps nella lotta ai contenuti indesiderati

Con l'aiuto di persone e tecnologie che monitorano da vicino Maps 24 ore su 24, 7 giorni su 7, solo nel 2020 Google ha intrapreso le seguenti azioni per garantire contenuti affidabili su Google Maps:

  • Bloccato o rimosso 55 milioni di recensioni che violano le norme e quasi 3 milioni di profili aziendali falsi.

  • Raccolto più di 960.000 recensioni e più di 300.000 profili aziendali segnalati dagli utenti di Google Maps.

  • Esaminato e rimosso più di 160 milioni di foto e 3,5 milioni di video che violavano le nostre norme o erano di bassa qualità.

  • Disabilitato più di 610.000 account utente dopo aver rilevato e indagato su comportamenti sospetti o che violano le norme.

  • Bloccato più di 3 milioni di tentativi da parte di malintenzionati di verificare i profili aziendali su Google che non appartenevano a loro.
 
Informazioni sull'azienda
Logo ideaBIT web Agency ideaBIT Web Agency

Web agency specializzata nel digital marketing; offriamo servizi di comunicazione e di web marketing in modo completo. Elaboriamo una comunicazione convincente, concretizzando idee e progetti, aumentiamo la visibilità e il flusso di clienti, con strategie e attività che determinano benefici tangibili.