Benvenuti sul BLOG di ideaBIT web agency, oggi parliamo di: I Core Web Vitals diventeranno fattore di ranking

I Core Web Vitals diventeranno fattore di ranking

Nel 2021 un aggiornamento dell'algoritmo combinerà i Core Web Vitals ai segnali già esistenti per valutare l'esperienza dell'utente sulle pagine.

Negli ultimi anni Google ha raffinato l'algoritmo di ranking introducendo una serie di criteri legati all'esperienza dell'utente sulle pagine web; la velocità di caricamento e la compatibilità con i dispositivi mobili solo due chiari esempi.

All'inizio di Maggio 2020, il team di Chrome ha annunciato i Core Web Vitals, un insieme di metriche relative a velocità, reattività e stabilità visiva, studiati per aiutare i proprietari di siti a misurare l'esperienza delle persone sulle pagine. E il 28 Maggio, con un post sul blog ufficiale, Google ha confermato che già a partire dal 2021 avverrà un importante aggiornamento dell'algoritmo per combinare i Core Web Vitals ai segnali già esistenti esistenti per valutare questo parametro.

I segnali già esistenti sono:

  • Mobile Friendly: l'ottimizzazione che consente alle persone di navigare e consultare comodamente il sito anche tramite i dispositivi Mobile;
  • Safe Browsing: la sicurezza del sito web per garantire che gli utenti non corrano rischi di contrarre virus o malware durante la navigazione;
  • HTTPS: l'adozione del protocollo HTTPS per proteggere l'integrità e la riservatezza dei dati scambiati tra i computer e i siti;
  • No Intrusive Interstitials: l'assenza di pubblicità intrusive o tecniche che rendano difficoltosa la consultazione dei contenuti.

 

A questi segnali si aggiungeranno i 3 Core Web Vital:

  1. Largest Contentful Paint (LCP): misura il tempo necessario per visualizzare l'elemento più grande nella prima schermata;
  2. First Input Delay (FID): misura il tempo che trascorre prima che si possa interagire con la pagina;
  3. Cumlative Layout Shift (CLS): misura gli spostamenti di layout che si verificano durante il caricamento della pagina.