Benvenuti sul BLOG di ideaBIT web agency, oggi parliamo di: Fred Update: il nuovo aggiornamento di Google

Fred Update: il nuovo aggiornamento di Google

Lo scorso 8 febbraio è stato rilevato un nuovo aggiornamento all'algoritmo di Google che si concentrerebbe sulla qualità dei contenuti.

Lo scorso 8 febbraio è stato rilevato un nuovo importante aggiornamento all'algoritmo di Google. Dai primi dati si ipotizzava che l'update riguardasse la qualità dei link in entrata, è invece emerso che Fred si concentrerebbe sulla qualità dei contenuti.

Ad essere maggiormente colpiti sono i siti di news e i magazine, siti di bufale e tutti quei progetti che trattano l’informazione senza offrire realmente un’informazione utile, veritiera e soddisfacente ma nati solo ed esclusivamente per monetizzare. Penalizzazioni in corso e traffico in calo anche per quei portali che nell’ultimo periodo hanno abusato della presenza di banner pubblicitari, rendendo le proprio pagine scarsamente fruibili e utili.

Molto probabilmente non si tratta di nuovo algoritmo bensì di un aggiornamento di Panda poichè questo update agisce sui medesimi pattern:

  • pagina/sito che presenta eccessiva e intrusiva pubblicità per l’utente al punto da non permettergli di fruire del contenuto;
  • contenuti di bassa qualità, intesa come contenuto scarno e/o duplicato/ripreso da altre fonti più autorevoli.
    Contenuto che solitamente non soddisfa l’utente e lo spinge a cercare altrove risposte alla sua ricerca;
  • affiliazioni, in special modo quando transita PageRank nei link
  • sovraottimizzazione on-site

Siti con queste caratteristiche registrano spesso tassi elevatissimi di rimbalzo, tempo di permanenza medio sulle pagine molto basso e alto volume di click sui link o banner di affiliazione.
Non sarebbe strano che anche Google voglia intervenire in questo campo dopo che Facebook sta cercando di contrastare il fenomeno delle false news e in Germania si parla addirittura di sanzioni per chi non le contrasterà.

Indagando poi nelle linee guide per i webmaster e per i quality raters, aggiornate proprio di recente, si intuisce che i settori più colpiti dalle penalizzazioni saranno siti/pagine che "potrebbero influenzare la felicità, il benessere, la salute e la stabilità finanziaria degli utilizzatori":

  • pagine sulle quali poter effettuare transazioni commerciali;
  • pagine con informazioni finanziarie, informazioni mediche, informazioni giridiche;
  • articoli di notizie, compreso informazioni locali, nazionali e internazionali, nonché notizie politiche e governative;
  • altro, come ad esempio pagine su adozioni di bambini o sulla guida in sicurezza.

 

 
Informazioni sull'azienda
Logo ideaBIT web Agency ideaBIT Web Agency

SEO agency e agenzia di comunicazione. Grazie a 15 anni di esperienza certificata nel posizionamento sui motori di ricerca e nel web marketing ideaBIT serve piccole e medie aziende che vogliono investire sul proprio sito web e promuovere online, con efficacia e professionalità, immagine, prodotti, servizi.