Benvenuti sul BLOG di ideaBIT web agency, oggi parliamo di: La timeline degli update dell'algoritmo di Google

La timeline degli update dell'algoritmo di Google

Riassunto dei principali cambiamenti all'algoritmo di ranking di Google, dal 1998, anno del lancio del motore di ricerca, a oggi.

Riassunto dei principali cambiamenti all'algoritmo di ranking di Google, dal 1998, anno del lancio del motore di ricerca, a oggi.

Questa infografica riassume i principali update agli algoritmi di Google, dal 1998, anno del lancio del motore di ricerca, a oggi.

Marzo 1998: i due studenti di Stanford, Sergey Brin e Larry Page, lanciano Google. Impresa considerata quasi monumentale, oggi l'azienda vale oltre 200 milioni di dollari.

Dicembre 2000: viene rilasciata la Google Toolbar che porta con sè il tool per il calcolo del Page Rank.

Settembre 2002: viene documentato il primo aggiornamento all'algoritmo di ricerca.

Febbraio 2003: al SES di Boston viene annunciato il Boston Update. E' la prima volta che si assegna il nome a un aggiornamento.
Originariamente, Google effettuava aggiornamenti mensili, combinazione di cambiamenti all'algoritmo e aggiornamento degli indici principali (la cosiddetta "Google Dance"). Con il Boston Update gli aggiornamenti divennero più frequenti e l'idea di applicarli mensilmente svanì.

Aprile 2003: con il Cassandra Update Google diede un giro di vite su alcuni aspetti relativi alla qualità. Furono colpiti i link in massa da domini degli stessi proprietari e furono penalizzati anche i testi e i link nascosti.

Maggio 2003: mentre evidenti cambiamenti si osservarono a maggio, l'esatta natura del Dominic Udpade non era chiaro. I bot di Google "Freshbot" e "Deepcrawler" setacciavano il web e il modo in cui Google considerava i backlink sembrava radicalmente cambiato.

Giugno 2003: l'Esmeralda Update ha segnato l'ultimo dei regolari aggiornamenti mensili di Google ed è emerso un processo di aggiornamento più continuo. La "Google Dance" è stata sostituito con "Everflux".
Esmerelda probabilmente ha portato con se alcuni cambiamenti infrastrutturali di Google.

Luglio 2003: con il Fritz Update invece di completare la revisione dell'indice su base mensile o meno, Google passa a un approccio incrementale. L'indice viene aggiornato quotidianamene.

Settembre 2003: per indicizzare più documenti senza sacrificare le prestazioni, Google scinde alcuni risultati mettendoli nei "risultati supplementari". Il pericolo di finire tra i risultati supplementari rappresentarono un argomento molto dibattuto dai SEO che temevano un calo degli accessi. I risultati supplementari furono in seguito eliminati.

Novembre 2003: questo aggiornamento ha avuto l'effetto di un tornado, da qui il nome Florida Update, mettendo in allarme tutto il settore SEO. Molti siti ottimamente posizionati furono retrocessi e pesantemente penalizzati. Il Florida Update segnò la fine delle tecniche SEO in voga negli anni '90 come ad esempio il keyword stuffing e introdusse la OPP (Over Optimization Penalty).

Gennaio 2004: quello che il precedente update aveva tralasciato fu ripulito dall'Austin Update. Google ha continuato a penalizzare le tecniche di ottimizzazione on-page ingannevoli, tra cui testo invisibile e META-tag pieni di keyword. Con l'introduzione del nuovo algoritmo "Hilltop" emerse il concetto di rilevanza pagina: ora l'autorevolezza della pagina non dipendeva più esclusivamente dal Page Rank.

Febbraio 2004: il Brandy Update si focalizza sulla rilevanza dei contenuti: con l'introduzione del Latent Semantic Indexing (LSI) Google aumenta la capacità di capire i sinonimi delle parole chiave, pone una maggiore attenzione alla rilevanza del testo di ancoraggio dei link.

Gennaio 2005: per combattere lo spam e controllare la qualità dei in uscita link, Google, Yahoo, e Microsoft introducono l'attributo "nofollow". Nofollow aiuta a ripulire i collegamenti non voluti, inclusi i commenti spam lasciati nei blog. Anche se non è un algoritmo di aggiornamento tradizionale, questo cambiamento ha un impatto significativo.

Febbraio 2015: le specifiche dell'Allegra Update sono poco chiare, alcuni ipotizzano che serva a identificare i siti spam che avevano mantenuto un alto posizionamento, altri che riguardi la sandbox o il perfezionamento della LSI (Latent Semantic Indexing).

Maggio 2005: Matt Cutts annuncia che Google stava applicando dei cambiamenti nella qualità della ricerca. I Webmaster di tutto il mondo ipotizzato che il Bourbon Update riguardi il metro di valutazione dei contenuti duplicati e dei contenuti dello stesso sito "non canonici" (www vs non www).

Giugno 2005: A differenza dei precedenti tentativi di personalizzazione dei risultati di ricerca, che richiedevano impostazioni personalizzate e profili, nel 2005 i risultati di ricerca si basano anche sulle precedenti ricerche effettuate dagli utenti. L'impatto è inizialmente molto ridotto.

 

 

 

 

 

 
Informazioni sull'azienda
Logo ideaBIT web Agency ideaBIT Web Agency

SEO agency e agenzia di comunicazione. Grazie a 15 anni di esperienza certificata nel posizionamento sui motori di ricerca e nel web marketing ideaBIT serve piccole e medie aziende che vogliono investire sul proprio sito web e promuovere online, con efficacia e professionalità, immagine, prodotti, servizi.